Care al convegno AIDNI per lo sviluppo della navigazione transfrontaliera lacustre

0

Care al convegno AIDNI per lo sviluppo della navigazione transfrontaliera lacustre

brokercare 4 ottobre 2019 177 Views 0 Comments Trasporti e logistica

Nella giornata di ieri, 3 ottobre 2019, CARE ha preso parte ad un interessante convegno organizzato sulle rive del lago Maggiore da AIDNI, Associazione Italiana di Diritto della Navigazione Interna, di cui è membro e broker assicurativo ufficiale. La conferenza, che si è tenuta nella splendida cornice di Villa Aminta a Stresa, proprio difronte alle isole Borromee, ha trattato il tema delle prospettive di sviluppo turistico e dei profili di sicurezza all’interno della Convenzione Italo-Svizzera del 1992, che regola i servizi di navigazione transfrontaliera sui laghi Verbano e Ceresio. Presieduta dall’avvocato Massimiliano Grimaldi, la mattinata ha affrontato diversi aspetti giuridici e non, dalla coesistenza tra servizi di linea e privati all’uso commerciale dell’unità da diporto, dall’uso esclusivo e promiscuo di scali e approdi al tema dell’assistenza e salvataggio della nave in caso di emergenza. Quest’ultimo tema, particolarmente interessante, è stato sviluppato a partire dalla tragedia di quest’estate sul Danubio, che ha visto decine di turisti sudcoreani perire in seguito ad una collisione tra imbarcazioni turistiche. La tavola rotonda finale, moderata da un giornalista del quotidiano torinese La Stampa, ha visto partecipare anche il presidente del Consorzio Motoscafisti Associati di Stresa e l’assessore al turismo del comune della stessa città, i quali hanno dato particolare concretezza ai temi tracciati in mattinata con casi reali a illustrazione di luci e ombre esistenti nella Convenzione. Per la stessa si auspica infatti prossimamente (e AIDNI sarà impegnata in questo senso) un aggiornamento che chiarisca alcune incertezze – anche terminologiche – e consenta un pieno sviluppo della navigazione commerciale privata sui laghi, in sinergia con quella pubblica.

Per Care, broker assicurativo specializzato nel settore dei trasporti e da tempo impegnato con le associazioni a sostegno della navigazione commerciale e turistica nelle acque interne italiane, una mattinata di grande interesse: data anche la nostra “doppia nazionalità” italiana e svizzera, grazie al nostro ufficio a Lugano, abbiamo potuto avere una prospettiva particolare su queste tematiche transfrontaliere.

Il testo della convenzione è disponibile sul portale digitale della Confederazione: https://www.admin.ch/opc/it/classified-compilation/19983325/201203010000/0.747.225.1.pdf