Gottardo, un mito per il futuro

ice-1405183_960_720

Gottardo, un mito per il futuro

brokercare 24 maggio 2016 1008 Views 0 Comments Trasporti e logistica

Abbiamo presenziato all’evento milanese che dà il via alle celebrazioni per l’inaugurazione della nuova Galleria di Base del San Gottardo, un’opera che rivoluzionerà la logistica europea.

Il 1° giugno 2016 sarà ufficialmente inaugurata in Svizzera la nuova ed avveniristica galleria di base del San Gottardo, il tunnel ferroviario più lungo del mondo e nodo fondamentale del progetto elvetico di valichi alpini AlpTransit. Con oltre 57 km di lunghezza, la galleria attraversa le Alpi da Bodio (Canton Ticino) a Erstfeld (Canton Uri) in due canne parallele senza alcun dislivello, consentendo al traffico ferroviario di passeggeri e merci di valicare la catena montuosa in ogni stagione senza alcuno sforzo, in tutta sicurezza e a grande velocità. La colossale opera, iniziata nel 1996, è il cuore del corridoio ferroviario Genova-Rotterdam, che unisce il Mediterraneo al Mare del Nord favorendo traffici commerciali di cui beneficeranno non solo Svizzera e Italia, ma tutta l’Europa nel suo asse Nord-Sud: l’intera logistica continentale potrà dunque guadagnarne enormemente in efficienza e rapidità, dato che la galleria consente il passaggio quotidiano di ben 260 treni merci. Per celebrare l’imminente inaugurazione del tunnel, il Consolato Generale di Svizzera a Milano ha organizzato dal 23 maggio al 6 giugno presso lo Spazio Oberdan una rassegna cinematografica a tema ferroviario, in collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana. CARE, in quanto broker assicurativo a forte vocazione trasporti e ben radicato nella Confederazione grazie alla presenza di CARE Suisse a Lugano, segue da sempre l’attualità e lo sviluppo delle infrastrutture che favoriscono la logistica europea e come tale ha presenziato, la sera del 23 maggio, all’inaugurazione della rassegna. Nel corso della serata, presentata da S.E. il Console Generale di Svizzera Félix Baumann, è stata proiettata la pellicola “Il vetturale del San Gottardo”, raro film del 1942 che racconta l’epopea della realizzazione della prima galleria ferroviaria (1872-82) ad opera dell’ingegnere ginevrino Louis Favre e di migliaia di operai che lavoravano in condizioni critiche nelle viscere della catena alpina. Una pellicola in grado di mostrare in maniera eloquente gli straordinari progressi compiuti in meno di due secoli nei trasporti, dalle diligenze a cavallo di allora fino ai modernissimi “Eurocity” delle Ferrovie Federali che percorreranno da quest’anno la galleria a oltre 250 km/h.