Il nostro mondo, oggi: pubblicata l’edizione 2018 del Global Risks Report

shawn-appel-281454

Il nostro mondo, oggi: pubblicata l’edizione 2018 del Global Risks Report

In concomitanza con il recente World Economic Forum di Davos è stata presentata la tredicesima edizione dell’autorevole Global Risks Report annuale. Si tratta di un’accurata e approfondita analisi sociale, politica, scientifica ed economica che va ad analizzare i rischi che impattano sull’umanità anno dopo anno, fornendo dunque un efficace quadro della situazione contemporanea della nostra specie. L’edizione del 2018 ci racconta delle nuove opportunità che la ripresa economica globale sta fornendo e che non dovrebbero essere compromesse, difronte all’urgenza di far fronte a sfide sistemiche colossali e all’incertezza e instabilità che comunque permangono. I grandi rischi attuali sono profondamente interconnessi e la rapidità dello sviluppo attuale a maggior ragione ci mette difronte alla nostra fatica nell’assorbire e contrastare le difficoltà. Quattro le macroaree di rischio evidenziate nel rapporto di quest’anno:

  • Rischi ambientali: gli episodi del 2017 (uragani, temperature estreme, aumento emissioni di CO2) evidenziano come il nostro pianeta sia stato spinto al limite, con la biodiversità a rischio, l’agricoltura sotto stress e l’inquinamento sempre più pericoloso per la salute umana. Il fatto oltretutto che le contromisure vengono prese individualmente dai singoli stati e non con un approccio olistico complica la ricerca di soluzioni efficaci.
  • Rischi tecnologici: anch’essi in aumento per numero di episodi e gravità degli stessi (attacchi raddoppiati negli ultimi 5 anni) e i danni economici dagli stessi sono in crescita (si pensi ad esempio anche alle richieste di riscatto): vista la nostra dipendenza attuale dalla tecnologia e il fatto che gli hackers attaccano sistemi sempre più strategici, c’è da temere nel caso peggiore un attacco che comprometta i sistemi che tengono in vita la società stessa. L’automazione, digitalizzazione e lo sviluppo tecnologico inoltre sta portando tensioni in ambito sociale ed economico.
  • Rischi economici: nonostante la ripresa dalla crisi recente migliori, restano vulnerabilità e nuove minacce: andamento dei prezzi, debito, finanza, politiche mercantiliste e protezioniste adottate da alcuni governi tra le principali.
  • Rischi politici: gli approcci nazionalisti di alcuni stati compromettono un approccio multilaterale alla risoluzione dei grandi problemi. Permangono (o addirittura crescono) tensioni militari, schermaglie economiche e commerciali.

I primi 5 rischi globali in termini di probabilità:

  1. Eventi meteorologici estremi (rischio ambientale)
  2. Disastri naturali (rischio ambientale)
  3. Attacchi cyber (rischio tecnologico)
  4. Furto o frode in ambito di dati (rischio tecnologico)
  5. Fallimento della mitigazione e dell’adattamento ai cambiamenti climatici (rischio ambientale)

I primi 5 rischi globali in termini di impatto:

  1. Armi di distruzione di massa (rischio geopolitico)
  2. Eventi meteorologici estremi (rischio ambientale)
  3. Disastri naturali (rischio ambientale)
  4. Fallimento della mitigazione e dell’adattamento ai cambiamenti climatici (rischio ambientale)
  5. Crisi di approvvigionamento idrico (rischio sociale)

Il rapporto è consultabile qui: http://www3.weforum.org/docs/WEF_GRR18_Report.pdf