Le assicurazioni dei viaggi ai tempi del covid19

LX

Le assicurazioni dei viaggi ai tempi del covid19

brokercare 21 aprile 2020 222 Views 0 Comments Viaggi

L’industria delle assicurazioni di viaggio è una delle più colpite dall’attuale pandemia del covid19. L’intero settore del turismo e dei viaggi d’affari è fermo e ci sono molte limitazioni al movimento di persone da un paese all’altro, inclusa la chiusura delle frontiere. Ad esempio, l’intera area Schengen è chiusa ai visitatori non Schengen fino a maggio. Solo i voli di rimpatrio sembrano librarsi nei cieli terrestri, oltre a quelli cargo. Sebbene alcuni paesi inizino ad allentare il blocco che hanno imposto, è improbabile che si possa viaggiare liberamente per le prossime settimane, forse mesi. In effetti, nessuno sa come sarà la stagione del turismo dell’estate boreale di quest’anno. Anche conferenze e fiere internazionali sono state cancellate o rinviate, e lo stesso vale per eventi sportivi internazionali (per esempio le Olimpiadi di Tokyo) e festival culturali. Dato che molte aziende sembrano aver scoperto i vantaggi delle teleconferenze via etere, è possibile che il futuro dei viaggi d’affari sia molto diverso e che vengano organizzati di persona solo incontri importanti, mentre il resto verrà effettuato a distanza.
Questo è sufficiente per spaventare qualsiasi assicuratore di viaggio. Oltre a queste previsioni pessimistiche per i prossimi mesi, anche l’ammontare dei reclami è stato notevole. È stato presentato un numero record di richieste di annullamento del viaggio, oltre alle richieste di ricovero per gli assicuratori che hanno coperto pazienti covid19 al di fuori del loro territorio di residenza. La situazione è di gran lunga peggiore della precedente crisi del vulcano islandese del 2010, che ha causato caos nei cieli del Nord Atlantico per settimane. Un aumento dei premi dell’assicurazione viaggi per il futuro può essere uno scenario probabile, sebbene siamo ancora troppo nell’occhio del ciclone per considerare eventuali sviluppi futuri.
Lo scenario del covid19 ha dimostrato quanto sia valida l’assicurazione per l’annullamento del viaggio (prima della partenza). A volte è l’opzione più costosa, ma se copre la cancellazione del viaggio dopo che una crisi è stata dichiarata nel paese di destinazione (come guerra, catastrofe naturale, epidemie …) allora è il modo migliore per recuperare parte delle spese sostenute per biglietti aerei, prenotazioni alberghiere ecc. L’importanza di una copertura di alta qualità è fondamentale e questa situazione ha dimostrato che spesso più si spende, meglio è quando si tratta di un’assicurazione viaggi: annullamento anticipato del viaggio, copertura medica illimitata senza esclusioni importanti, pagamento diretto dall’assicuratore all’ospedale, evacuazione e rimpatrio, flessibilità dell’estensione della copertura sono tutti aspetti imprescindibili in un’adeguata copertura assicurativa viaggi.
La domanda chiave per tutti ora è “sarei stato coperto?”. Naturalmente questo dipende dalla compagnia assicurativa, ma la dichiarazione di pandemia dell’OMS dell’11 marzo è stata un vero spartiacque: alcune compagnie hanno iniziato ad escludere la cancellazione del viaggio e includere il ricovero per problemi relativi a covid19, mentre altre hanno fatto esattamente il contrario.
Ad oggi, la maggior parte degli assicuratori dei viaggi esclude le coperture legate ai covid19, anche se a nostro avviso ciò potrebbe cambiare in futuro quando la situazione si normalizzerà in quanto questa sarà una delle coperture più richieste dal pubblico.
Mentre aspettiamo i prossimi sviluppi del mercato, ovviamente scoraggiamo qualsiasi viaggio non essenziale all’estero.